BorderLayoutBoxedLayoutOpenLayout Maximum textMedium textSmall text

Registrazione
sabato 21 ottobre 2017
I partner tecnologici del progetto Riduci

Il ruolo di Regione Marche

  • Regione Marche ha messo a disposizione del progetto proprie risorse e competenze tecniche applicative e sistemistiche, oltre che del dominio sanitario, scegliendo di reingegnerizzare e riorganizzare un Servizio Pilota per l’accesso alla refertazione elettronica dei risultati dei laboratori di analisi. Il servizio è erogato da strutture del Servizio Sanitario Regionale, ed in particolare dell’Azienda Sanitaria Unica Regionale (ASUR) e dell’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Ancona. Dal punto di vista informatico, l’infrastruttura è presidiata dai tecnici della PF Sistemi Informativi e Telematici e del Centro Controllo Reti e Sistemi. Regione Marche si è inoltre occupata degli aspetti di coordinamento e di segreteria tecnica del progetto, di organizzazione e di gestione, del rapporto con i partner ed i fornitori coinvolti, nonchè delle implicazioni legate alla normativa sulla privacy.

Il ruolo di INFN

  • L’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare si è occupato di progettare l’architettura del sistema a partire da framework validati ed in uso presso altri centri di calcolo di particolare rilevanza in ambito scientifico. Ha quindi implementato nel Data Center Regionale una infrastruttura pilota di cloud computing e storage basata sugli innovativi servizi OpenStack e sul sistema di virtualizzazione KVM. Inoltre ha realizzato un’interfaccia integrata per il monitoraggio dei sistemi utilizzando tecnologie e strumenti Open Source appositamente personalizzati ed adattati.

Il ruolo di UNICAM

  • L'adozione di una soluzione cloud, come quella del Progetto MCloud, prevede un'opportuna gestione dell’identità digitale nel rispetto della privacy. Ciò significa che l'utente mantenendo identità multiple, ma valide, si presenta con una sola identità rispetto a servizi differenti eventualmente in cloud differenti, ma federati. In tal senso un requisito chiave è l'interoperabilità, che a partire da standard aperti, abilita la creazione di community. L'integrazione del framework di autenticazione della Regione Marche, FedCohesion, in MCloud supporta tali principi. Nel progetto pilota l'Università degli studi di Camerino ha condotto una serie di attività volte a integrare il framework FedCohesion a livello infrastrutturale permettendo quindi la compatibilità della soluzione cloud adottata con lo standard Security Assertion Markup Language 2.0. L’Università collabora inoltre nella formulazione di opportune fattispecie contrattuali da impiegare per la gestione dei servizi in cloud e nei rapporti tra fornitori ed utenti.

Il ruolo di UNIVPM

  • Università Politecnica delle Marche ha collaborato nell’implementazione di metodi di accesso innovativi per la fruizione del servizio pilota di refertazione dei laboratori di analisi. Ha quindi progettato e sviluppato applicazioni per tablet e smart phone Android, per smartTV Digitale Samsung ed anche una possibile soluzione (ancora in fase di studio) su digitale terrestre per aree non raggiunte dalla banda larga. Collabora inoltre alla verifica dell’idoneità dell’infrastruttura rilasciata rispetto alle linee guida formulate dal garante per la privacy e da altri organismi pubblici di riferimento in tema di informatica per la pubblica amministrazione, oltre che alle best practises internazionali in tema di cloud computing.

 

  

Regione Marche Giunta Regionale-via Gentile da Fabriano, 5 - 60125 Ancona - tel. 071.8061